BENE CONFISCATO DEDICATO AD ANTONIO LANDIERI

1 giugno 2010 – Cascina Arzilla – Volvera (TO)

Il bene confiscato ad una famiglia mafiosa, nel comune torinese di Volvera, sarà dedicato domani 1° giugno, ad Antonio Landieri e a Rita Atria. Il bene, denominato “Cascina Arzilla” era stato quasi distrutto dalla famiglia mafiosa prima di abbandonarlo, grazie alla legge 109 del ’96 e all’aiuto della Regione Piemonte, il bene è stato ristrutturato e assegnato a Libera Piemonte e in particolare all’associazione ACMOS. Per noi di VODISCA e per tutta la famiglia Landieri è un immensa gioia partecipare all’evento e vedere il nome di Antonio Landieri indelebile sul muro di Cascina Arzilla. Per questo ringraziamo tutti gli amici piemontesi, il presidio di Volvera, l’associazione ACMOS (per noi pilastro fondamentale), ringraziamo Maria Josè Fava, Manuela Trapani, Diego Sarno, Davide Mattiello, Andrea Zummo e tutti quelli che hanno reso possibile l’avverarsi di questo giorno. Sarà una grande festa, un grande schiaffo alle mafie. Sarà giorno a cui parteciperanno centinaia di bambini, a cui parteciperemo noi di VODISCA e per la prima volta anche i genitori di Antonio Landieri, che grazie all’instancabile aiuto di Libera e del Coordinamento dei familiari delle vittime di camorra, pian piano sta abbattendo quel guscio di dolore che spesso isola i familiari delle vittime. Era già da tempo che il nostro legame con quel bene confiscato si fortificava, dal giorno in cui decidemmo di donare a Cascina Arzilla il ricavato del libro “Libera Voce” edito dalla Marotta & Cafiero. Per noi quel gesto ha sempre avuto un grande valore, un valore di fratellanza e unità, di distruzione di barriere che dividono ideologicamente il nord e sud. È straordinario pensare che centinaia di bambini domani sfileranno nel nome di Rita Atria e Antonio Landieri, ammazzati a migliaia di km di distanza. Forse sono queste quelle pillole di gioia e speranza che ci fanno pensare che il nostro paese possa cambiare. Sarà nostra premura spedire via email le foto di questo giorno tanto speciale, per condividere con voi quegli attimi. Le spediremo anche al Comune di Napoli, che poco di è interessato alla vicenda di Antonio Landieri, che poco ha badato alle 1800 firme raccolte in tutta l’Italia per dedicare una strada a Scampia ad Antonio. Ma non importa perché oggi è un giorno di gioia. Vorrei chiudere dicendo due cose su questa cascina, che anni fa abbiamo visitato quando era solo un rudere. Diventerà un centro giovanile, d’arte, d’incontro, un po’ come il nostro Centro Territoriale Mammut a Scampia. Sarà bello ritornarci presto, a luglio, per mettere in scena in quel bene dedicato ad Antonio, Croci Rosa, lo spettacolo sui diritti delle donne presentato durante i Teatri della legalità. Mi sento di chiudere con una piccola parola, ma che spero possa far comprendere agli amici piemontesi tutto quella gioia immensa che stiamo provando: Grazie, perché ci sentiamo meno soli, perché i nostri familiari non sono solo nomi.

Per ulteriori informazioni

http://acmos.net/

http://liberapiemonte.it/


Vodisca
Associazione di Promozione Cultruale
sede legale e operativa: via Andrea Pazienza 25
80144 Napoli
c.f. 95083380634
email: vodisca@gmail.com
www.vodiscateatro.jimdo.com/
www.facebook.com/vodiscateatro

Potrebbero interessarti anche...