Desaparecidos tunisini: un altro grido di aiuto

Roma, martedì 21 febbraio ore 15
presso la Casa dei diritti sociali via dei Mille, 36
Conferenza stampa della delegazione delle famiglie dei migranti tunisini dispersi

La delegazione dei familiari dei migranti tunisini dispersi, in Italia da 15 giorni per lunedì 20 ha fatto la richiesta di entrare nel Cie di Ponte Galeria e martedì 21 sarà davanti all’Ambasciata tunisina alle 9.30 e a un incontro al Viminale alle 12
Continua in Italia e in Tunisia la mobilitazione delle mamme e delle famiglie dei migranti tunisini dispersi.
La loro richiesta alle istituzioni italiane e tunisine rimane invariata: uno scambio delle impronte digitali dei loro figli, per sapere se siano arrivati in Italia.
E’ da circa un anno, ormai, che le famiglie chiedono di conoscere qualcosa sulla sorte dei loto figli, partiti verso l’Europa subito dopo la rivoluzione, e da tre mesi che si rivolgono a entrambi i paesi per chiedere lo scambio delle impronte, unico modo per sapere se siano arrivati in Italia e se siano all’interno di un sistema detentivo previsto dalle politiche di governo delle migrazioni dell’Italia e dell’Unione Europea. Lanciano appelli, scrivono lettere ai ministri, chiedono incontri, organizzano sit-in e portano ovunque le fotografie dei loro figli; ma mentre anche in Italia si sta rompendo in parte il silenzio stampa su questa vicenda, i tempi delle diplomazie continuano a reagire con le loro lentezze e le loro indifferenze.
Come collettivo di donne italiane e tunisine che sostengono l’appello delle famiglie con la campagna “Da una sponda all’altra: vite che contano” chiediamo a tutti e tutte di far sentire la propria solidarietà e di partecipare alle mobilitazioni, ribadendo con forza che nessuno possa più scomparire così, in mare come nei Cie.
Segui gli avvenimenti sul blog https://leventicinqueundici.noblogs.org/
Le venticinque undici
Associazione Pontes dei Tunisini in Italia
Per contatti: venticinquenovembre@gmail.com
Casa dei diritti sociali 06 4464613-4464742

20120220-155547.jpg

Potrebbero interessarti anche...