Furto in un capannone della "Valle del Marro"

21/01/2011

Gioacchino Saccà

Gioia Tauro

Ancora un furto ai danni della cooperativa “Valle del Marro” di Gioia Tauro. Da un capannone dell’azienda agricola che la stessa gestisce in località “Ponte Vecchio” ignoti, che si sono introdotti col favore del buio, hanno asportato attrezzi diversi per il valore di un migliaio di euro. La scoperta è stata fatta ieri mattina da uno degli operatori della cooperativa per cui è stato subito informato il locale Commissariato di Polizia.

Gli autori del raid hanno prima forzato un cancello e poi fatta saltare la serratura di una pesante porta in ferro che immette nel capannone.

In passato la stessa cooperativa, che opera su terreni confiscati, anni addietro perché ritenuti frutto di illecito arricchimento, ha subìto furti diversi, anche di costosi mezzi agricoli, e vari danneggiamenti. La cooperativa, guidata da don Pino De Masi, referente di Libera nella Piana di Gioia Tauro, è impegnata in prima linea nella gestione dei beni confiscati. Terreni e immobili che “rinascono” nella disponibilità dei cittadini. L’esempio della cooperativa comincia a farsi largo; nel Reggino altre realtà stanno maturando nuove esperienze in grado di cogliere le immense opportunità offerte dai patrimoni confiscati alla ‘ndrangheta.

fonte: http://www.gazzettadelsud.it/

Potrebbero interessarti anche...