Giustizia: Caselli, da suicida farsi dare ordini da politici collusi

Palermo, 29 nov.?- (Adnkronos) – La riforma della giustizia prevede, tra le altre cose, la separazione delle carriere dei magistrati “che comporta la subordinazione del pm verso l’esecutivo che puo’ dare ordini al magistrato”. ”Se questi ordini e le direttive sono impartiti da una politica equa puo’ essere accettabile, invece, e lo dico con dispiacere perche’ non e’ una cosa bella per la democrazia, ci troveremmo in una situazione in cui a dare ordini siano pezzi della politica caratterizzati da collusione con la mafia e corruzione. A me sembra un’idea suicida”. Lo ha detto all’ADNKRONOS il procuratore capo di Torino Giancarlo Caselli parlando della riforma della giustizia che sta per arrivare in Parlamento. Anche se nei giorni scorsi il ministro della Giustizia Angelino Alfano al congresso nazionale dell’Anm aveva assicurato: ‘non vogliamo sottoporre in alcun modo il pm all’esecutivo’, Caselli ha qualche dubbio: “al di la’ delle proclamazioni di intenti -ha spiegato- sono assolutamente convinto che le cose abbiano una forza obbiettiva”. Caselli e’ a Palermo per ritirare il premio dedicato a don Pino Puglisi, il sacerdote ucciso dalla mafia nel settembre del ’93.

Fonte:http: http://palermo.repubblica.it

Potrebbero interessarti anche...