Il mondo ha bisogno delle armi italiane

Sotto silenzio mediatico, è ripresa in questi giorni alla Camera la

discussione sul Disegno di Legge (AC 4059) che prevede di fatto

l’allentamento dei controlli per il commercio della armi italiane. La

legge 185 del 1990 viene considerata da molti una delle più avanzate

al mondo. Ma il governo sostiene che non sia in linea con le norme

europee e che non aiuti l’economia del Paese. Quello che pensa

l’opposizione non è dato sapere con certezza. Sta di fatto che il

provvedimento è già passato al Senato. La Rete italiana per il disarmo

– di cui fanno parte diverse associazioni e istituti di ricerca – ha

già annunciato che provvederà a informare i cittadini rendendo

pubbliche le dichiarazioni e il voto di parlamentari e partiti

politici. L’invito è a visitare in questi giorni il sito della Rete

italiana per il disarmo: www.disarmo.org per tenersi informati e,

possibilmente, fare pressione sui parlamentari dei propri collegi

elettorali. I discorsi più frequenti tra i politici sono del tipo:

“Chi vuole comprare armi in ogni caso le trova sul mercato globale e

noi siamo penalizzati da una legge troppo restrittiva in materia.

Tanto vale…”. Insomma, invece che adoperarsi per estendere sul piano

internazionale i principi della legge 185, siamo noi ad adeguarci al

peggio!

Tonio Dell’Olio. “Mosaico dei giorni è una rubrica di Mosaico di pace – rivista mensile promossa da
Pax Christi e fondata da don Tonino Bello. http://www.peacelink.it/mosaico/index.html

Potrebbero interessarti anche...