Mafia/ Caso Crocetta, Pittella: Belgio protegga eurodeputato

Il vicepresidente vicario del Parlamento europeo Gianni Pittella (Pd), torna a chiedere che il governo belga provveda ad assicurare la protezione dell’eurodeputato Rosario Crocetta, ex sindaco di Gela, dopo che nelle scorse ore è stato sventato un nuovo tentativo di attentato progettato da Cosa nostra nei suoi confronti. “Il governo belga – afferma Pittella in una nota – si deve attivare immediatamente per assegnargli una scorta adeguata”, visto che “Crocetta è attualmente senza protezione durante i suoi impegni istituzionali europei”. “Per l’estensione internazionale della penetrazione mafiosa, la lotta alla mafia non può essere considerata un affare interno italiano”, osserva Pittella, che esprime tutta la sua solidarieta’ umana e il sostegno politico e civile a Crocetta. “Coloro che possono essere considerati come un potenziale bersaglio dalla criminalità organizzata o sotto minaccia per un qualsiasi motivo – sottolinea ancora il vicepresidente dell’Europarlamento – hanno diritto a essere tutelati dai paesi che li ospitano, a maggior ragione se si tratta di esponenti delle istituzioni”. Solidarietà all’eurodeputato siciliano è espressa anche dal collega del Pdl Salvatore Iacolino. “Apprendo con preoccupazione del piano di morte indirizzato al Parlamentare europeo del Pd, Rosario Crocetta. A lui va la mia convinta solidarietà e quella del Parlamento europeo”, scrive Jacolino in una nota. “Si tratta di un tentativo, gravissimo, che va fermamente condannato”, osserva l’eurodeputato del Pdl, e aggiunge: “Il crimine organizzato, quale fenomeno transnazionale, rappresenta una priorità del Parlamento europeo e deve essere una priorità di tutti gli Stati Membri. E’, in ogni caso, doveroso – conclude Iacolino – garantire livelli di protezione adeguata a Crocetta anche fuori dal territorio italiano”.

Potrebbero interessarti anche...