Nuova pubblicazione per la Marotta&Cafiero

Si intitola “I volti del primo marzo” il quinto libro della nuova gestione della Marotta&Cafiero editori. Un reportage sull’immigrazione, su Rosarno, gli sbarchi in Sicilia, sulla condizione degli immigrati nel nostro paese, che si raccontano, che rivendicano, che ci ricordano di “restare umani”. Il libro è  corredato da splendide foto in bianco e nero. I testi sono a cura di ottimi giornalisti di livello nazionale da Rosario Cauchi a Massimiliano Perna, passando per Giorgio Ruta, a cui si aggiunge la splendida prefazione del noto Fabrizio Gatti. Le foto sono invece di Giuseppe Portuesi e di Francesco Di Martino, autore del libro Sulle tracce di Felice Pignataro. Il libro è stato prodotto grazia al supporto di 150 coproduttori provenienti da tutta l’Italia, per la nostra casa editrice l’ennesima trasformazione di un libro da merce a opera che appartiene alla collettività. Il libro sarà presentato nelle prossime settimane a Napoli e in Sicilia, vi terremo aggiornati tramite i nostri canali. Il volume è acquistabile dal nostro sito www.marottaecafiero.it all’interno della sezione catalogo al costo di 10 euro (prezzo massimo per tutti i libri della nostra casa editrice). Il libro è registrato con licenza Creative Commons è può essere fotocopiato interamente. I diritti d’autore di questo volume saranno devoluti ad un progetto d’integrazione per immigrati dell’area domiziana.

I VOLTI DEL PRIMO MARZO

testi di Rosario Cauchi, Massimiliano Perna e Giorgio Ruta,

foto di Francesco Di Martino e Giuseppe Portuesi

prefazione di Fabrizio Gatti

pag. 120

€10,00

Anno 2011

ISBN 978-88-88234-84-7

Un lunedì di marzo, tiepido perché riscaldato da un raggiante solo siciliano: uomini, donne, bambini, studenti, lavoratori, corpi che si muovono tra le strade dell’isola, da Siracusa a Catania.
E’ una manifestazione…è il primo marzo dei migranti che vivono e lavorano in Italia.
Lo sciopero, il grido di protesta e di aiuto, le storie, la quotidianità, raccontati nell’arco di ventiquattro ore, dalle prime luci dell’alba alla notte.
Una giornata che i lavoratori migranti hanno deciso di prendersi, dopo aver subito molteplici imposizioni.
Francesco Di Martino, Giuseppe Portuesi, Giorgio Ruta, Rosario Cauchi e Massimiliano Perna descrivono, tra le pagine di questo lavoro, fatto di parole ed immagini, una giornata dedicata all’altra Italia: quella che non occupa gli spazi televisivi, quella che si muove con discrezione, quella che accetta “i lavori che gli italiani non vogliono più fare”, quella che si sveglia di notte per 20 o trenta euro.
Una manifestazione illustrata andando anche oltre le strade che ha attraversato, con approfondimenti generati dalla cronaca e dalle inchieste che interessano o hanno interessato, direttamente e indirettamente, i migranti che continuano a scegliere la Sicilia per rifarsi un’esistenza, per avere un lavoro, per conquistare uno stipendio.
Il tentativo di ricostruire una dimensione, troppo spesso occultata da una penombra talmente opprimente da imporre il silenzi anche a chi decida di dire basta e di richiedere gli stessi diritti riconosciuti agli altri italiani.
Il testo, insieme al progetto che ne sta alla base e che voi stessi potete sostenere diventandone co-produttori, contiene la cronaca, narrata e fotografata, di quel primo marzo del 2010 e di tante altre storie d’immigrazione…..
L’altra Italia, quella che non viene raccontata ma che esiste e chiede dignità.

Potrebbero interessarti anche...