Solidarieta' ai magistrati minacciati

“Voglio esprimere la mia solidarietà vera e sincera, la solidarietà militante di uno come me che sta nel cuore della battaglia con il corpo nella mischia, ai magistrati di Caltanissetta (Lari, Marino, Gozzo) di  Palermo (Prestipino) della Calabria (Pignatone) e della Campania (Cantone e Ardita) che oggi, come nella stagione delle stragi, rischiano la vita per il loro impegno quotidiano contro la mafia e per il loro impegno coraggioso per la ricerca della verità”. Questo il commento dell’eurodeputato del Partito Democratico Rosario Crocetta, in seguito alle nuove minacce pervenute ai magistrati impegnati nella lotta alle mafie.

“Perché le attuali inchieste sulle stragi e sul rapporto tra mafia, Istituzioni e politica deviata  fanno così paura a Cosa Nostra, alla ndrangheta e alla camorra?

L’analisi logica degli eventi porterebbe a pensare che nomi nuovi di mafiosi di spicco, che non siano già arrestati o non siano ricercati, non ne dovrebbero venir fuori.

Grazie al grande lavoro dei magistrati e alle dichiarazioni di collaboratori e testimoni di giustizia, infatti, l’ala militare di cosa nostra é stata, in questi anni, fortemente intaccata.

Che cosa dovrebbe temere la mafia, in quanto tale, rispetto alle inchieste di oggi, considerato che chi doveva essere punito per le stragi, di fatto lo è già?

É facile, piuttosto, ipotizzare che da quelle inchieste possono venire fuori nomi eccellenti, quelli della politica, i cui collegamenti col sistema mafioso sono più difficili da dimostrare.

Se questo è lo scenario, – conclude Crocetta – allora c’é veramente da preoccuparsi sul livello dello scontro e sulle possibili conseguenze”.

Per ulteriori informazioni :
www.rosariocrocetta.com

Potrebbero interessarti anche...