Un appello per non essere barbari in mezzo ai Barbaro partendo dal palco di Buccinasco

di Giulio Cavalli

Domenica 15 novembre sarò in scena a Buccinasco alle 21,15 presso l’auditorium Fagnana (Via Tiziano 7) a mettere in scena A 100 PASSI DAL DUOMO. Per un teatrante dovrebbe essere una buona notizia. Normale. Ma quella domenica non è una data normale. Anche se è una buona notizia.

Normalmente un Arlecchino arriva in piazza, sbuffa la polvere dai costumi e soffia sulla maschera; non conta le uscite della sala mentre si matematica in testa le proiezioni delle facce dei presenti.

Normalmente un Arlecchino tende sgraziato con il sorriso, si curva e urla, gioca a sversare le pance e gli occhi, prima dell’inchino piegato in due e il giro tra il pubblico con il berretto; non tiene in mano le sentenze stropicciate per uno spettacolo di legittima difesa in una regione in cui le analisi sono masticati come beceri allarmi.

Normalmente un Arlecchino divide il suo pubblico (con la chiarezza banale di un colino) tra divertiti, indignati e sdegnati; non sogna nemmeno negli incubi peggiori che ci siano armi.

Normalmente un Arlecchino recita, sorride e inquadra il certo semplicemente in modo diverso; non svela.

Normalmente un Arlecchino non suda per preservare la dignità; dovrebbe ruzzolarsi superficiale nello sterco.

E invece lo sterco ce lo siamo ritrovati nella tazza ogni mattina. Per una normalità della dignità che per demeriti di altri diventa addirittura eroica ed eccezionale. Per un gioco continuo a delegare a pochi la responsabilità della solidarietà che dovrebbe essere di tutti.

Perchè per un gioco malato di responsabilità che crescono come gli arbusti delle favole, sei tu che devi vomitare lo sterco cercando di restituirlo.

Per questo domenica non è una data normale. Perchè domenica è la “riunione condominiale” degli affezionati alla giustezza prima ancora di questa giustizia dagli emendamenti illegali. Quelle serate in cui lo spettacolo è solo un pretesto per contarci e guardarci negli occhi con la bellezza di essere “noi” e “insieme”.

Perchè il negazionismo e la superficialità nell’osservazione hanno garantito la carsicità di un fenomeno peloso e pavido come quelle manciate di ‘Ndrine che si spompinano con Cosa Nostra. E in un gioco di saliva e sugo hanno partorito le uova delle generazioni successive molto più professionali nell’apparire degne o almeno civilizzate.

Ma con la parola non vi salveremo. Osserveremo i barbari dei Barbaro, Sergi e Papalia e tutti gli altri in giro per la Lombardia. Perchè la nostra parola è l’uncino per alzare la coperta e mostrarvi ridicoli e nudi. Confiscando la vostra banalità per una parola ostinata. E degna.

Per urlarvi in faccia che siete “sotto osservazione” da parte di una società civile che non vi offre più il caffè.


Potrebbero interessarti anche...