un patto di lealtà

Gli alunni della scuola media Dante Alighieri di Avellino hanno

concluso ieri il percorso di lettura e approfondimento del libro “Io

non tacerò” che raccoglie gli scritti di Antonino Caponnetto. È stato

un momento intenso e quasi solenne. A 12 e 13 anni ci si deve

entusiasmare davanti a testimonianze di vita che non hanno risparmiato

nemmeno un respiro per dare dignità all’Italia e al mondo intero.

Negli occhi di quei ragazzi ieri c’era la luce della sfida e

dell’impegno, dell’indignazione davanti al degrado e della promessa

solenne di essere onesti. Semplicemente onesti. Cioè leali. Per

innamorarsi della comunità in cui abitano. Perché non è scritto in

nessuna legge di natura che la Camorra debba dettare legge, regolare

gli appalti, condizionare la vita pubblica, influenzare le loro

scelte. Quei ragazzi hanno voluto firmare un patto di lealtà con la

comunità e con la loro vita dichiarandosi indisponibili a flirtare con

i vantaggi illusori che fornirebbe loro l’apparentamento con la

malavita ma nemmeno con le forme di illegalità strisciante che vengono

tollerate o esaltate come esercizio di furbizia. Non è notizia di

prima pagina dei Tg nazionali. Ma ciò che è avvenuto ieri ad Avellino

e che si verifica in tante scuole italiane, è il segno controvento di

un Paese che non si rassegna e che vuole cambiare. Il mondo degli

adulti che annaspa sui tornanti della legalità deve essere grato a

questo fiume carsico che percorre lo stivale.

http://www.peacelink.it/mosaico/a/33968.html

Potrebbero interessarti anche...