Vicissitudini di Piera Aiello

Palermo, 6 giu. – (Adnkronos)“Gia’ un anno fa, ho avuto sentore che stava succedendo qualcosa”. Piera Aiello parla della sua copertura saltata ad aprile. Testimone di giustizia dal 1991, per aver denunciato chi le uccise il marito, mafioso di Partanna (Trapani), vive sotto nuova identita’, in localita’ segreta. Intervistata da Radio 24, nella rubrica “Storiacce” di Raffaella Calandra che andra’ in onda domani alle 19.30, punta il dito contro i “due carabinieri che hanno rovinato l’esistenza che mi sono costruita a fatica in 18 anni, parlando a sproposito. C’e’ stato un silenzio mortificante di chi doveva proteggermi”, attacca.

Secondo Piera Aiello, cognata di Rita Atria, anch’essa testimone che si uccise pero’ dopo la morte di Paolo Borsellino, “i testimoni vengono boicottati. E questo mi fa male. Quando esci dal programma, non sei protetto adeguatamente”. Aiello parla dello scambio epistolare sulla sua copertura con il sottosegretario agli Interni, Alfredo Mantovano, ma torna poi a sfogliare i diari di Rita Atria, affidati all’associazione da lei presieduta, e anticipa il suo progetto di un tour antimafia anche a Partanna, citta’ di origine della famiglia malavitosa a cui apparteneva sua cognata Rita e poi lei stessa.



Palermo, 6 giu. (Adnkronos)”La denuncia di Piera Aiello va accolta. Lo Stato deve garantire la sicurezza dei testimoni di giustizia”. Lo afferma il senatore del Partito Democratico Giuseppe Lumia, commentando le dichiarazioni di Piera Aiello, testimone di giustizia dal 1991, per aver denunciato chi le uccise il marito. ”Si tratta di cittadini onesti -aggiunge Lumia- che hanno avuto il coraggio di denunciare e testimoniare, mettendo a rischio e stravolgendo la propria vita e quella dei familiari. Lo Stato, quindi, ha il dovere di proteggerli e di garantire loro la possibilita’ di avere una vita ‘normale’. Purtroppo, in molti casi, questo non accade. Non devono essere loro ad aver paura, ma i mafiosi ad avere paura dello Stato. La lotta alla mafia -conclude Lumia- ha bisogno di credibilita’ e fiducia”.

Potrebbero interessarti anche...