Vittorio Arrigoni nuovamente minacciato di morte

Lee Kaplan, fanatico estremista americano, che aveva minacciato di morte l’inverno scorso Vittorio Arrigoni ed altri attivisti dell’International Solidarity Movement si è rifatto vivo. All’epoca incitava all’uccisione gli attivisti e per riconoscerli aveva pubblicato su un sito http://www.stoptheism.com i loro nomi e cognomi, le foto e anche i segni particolari per rintracciarli, aveva pubblicato un numero di telefono dove chiunque poteva fornire informazioni per rintracciarli ed eliminarli fisicamente.

Kaplan non è solo un fanatico, alle spalle ha lobby israeliane potenti e i coloni più estremisti della Cisgiordania. Il sito era stato chiuso grazie all’interessamente di singoli, associazioni e politici. Ma adesso è nuovamente attivo. Ci si deve mobilitare per fare in modo che le autorità italiane intervengano, si deve far girare il più possibile la notizia per evitare che la situazione venga sottovalutata.

-Si può scrivere ad esempio alla Farnesina:
unita.crisi@esteri.it
cdr@esteri.it
-Ufficio Relazioni col Pubblico:
relazioni.pubblico@esteri.it
-Consolato italiano in Israele:
consolato.telaviv@esteri.it

-l’Ambasciata italiana negli Stati Uniti stampa.washington@esteri.it

Fonte: Associazione Zaatar

Il commento alle minacce ricevute

di Vittorio Arrigoni

Il mio spasimante sionista preferito è tornato a farsi vivo nell’invocarmi morto:
La minaccia di morte è subdola, perché erode nell’inconscio.
Scava ogni giorno più in profondità la buca del terrore nella sindrome di essere bersagli bipedi a spasso su di un tiro a segno gratuito.
Si possono fare spallucce e convincere e convincersi che si tratta di millantatori in cerca di fama e affamati di visibilità,
(e circa questi terroristi non c’è da scherzare, vi assicuro, non agiscono solo a parole, abbiamo acquisito le nostre informazioni), esteriormente disinteressarsi nel leggere il proprio nome di fianco ad una taglia come accadeva ai tempi del Far West, ma dentro qualcosa si mobilita in nevrosi, insonnia, fame di sostanze stordenti.
Soprattutto, per uomini e donne che sono disposti a sacrificare la propria vita per un ideale elevato come libertà e giustizia, l’ombra lugubre della minaccia di morte colpisce e affonda quando avvolge i familiari  e le persone amate, per i quali non si può scegliere ne chiedere tale sacrificio.


Potrebbero interessarti anche...